laureati nell’anno di COVID-19 sperimentato un calo dell’occupazione, partecipazione alla forza lavoro

laureati nell'anno di COVID-19 sperimentato un calo dell'occupazione, partecipazione alla forza lavoro
Scuola di Legge di Harvard graduate Jesse Burbank passa il tempo nel campus, prima di partecipare ad un online cerimonia di laurea da camera sua a Cambridge, Massachusetts, nel Maggio del 2020. (Craig F. Walker / Il Boston Globe via Getty Images)

Dal loro inizio virtuale, la classe di 2020 laureati guardato fuori in un futuro economico molto diverso rispetto ai loro predecessori l’anno prima-uno sconvolto da una recessione causata da una pandemia che è stato particolarmente duro per i giovani lavoratori. Le sfide di un’economia pandemica sono evidenti nei risultati del mercato del lavoro dei laureati 2020, che hanno sperimentato una recessione nell’occupazione e nella partecipazione alla forza lavoro, secondo una nuova analisi del Pew Research Center dei dati da gennaio a ottobre raccolti dal Bureau of Labor Statistics.

2020 i laureati dell'università di probabilità in meno di essere nella forza lavoro o che lavorano rispetto ai loro predecessori 2019

Nel mese di ottobre 2020, il 69% degli adulti di età da 20 a 29, che si era laureata con una laurea o superiore durante la primavera precedente, sono stati impiegati, inferiore rispetto alla quota di 2019 laureati che sono stati impiegati nell’ottobre di quell’anno (78%). Anche il tasso di partecipazione alla forza lavoro per i neolaureati – o la quota di persone impiegate o attivamente alla ricerca di un lavoro – è sceso dall ‘ 86% al 79% durante questo periodo di un anno. Come è stato ampiamente documentato, il mercato del lavoro più ampio ha avuto un successo significativo durante la pandemia. Tra tutti gli americani di età 16 e più anziani, il tasso di occupazione è diminuito dal 61% nel mese di ottobre 2019 al 58% nel mese di ottobre 2020, e il tasso di partecipazione della forza lavoro è diminuito dal 63% al 62%.

Questo rapporto esamina come la recessione COVID-19 ha colpito le classi di laurea del college e delle scuole superiori nel 2020 per determinare l’impatto che ha avuto sull’occupazione e sulla partecipazione alla forza lavoro. Per questa analisi, abbiamo utilizzato i dati del Bureau of Labor Statistics pubblicati come Comunicati economici. In particolare, abbiamo utilizzato le versioni 2007, 2008, 2019 e 2020 intitolate “Iscrizione al college e attività lavorativa dei diplomati delle scuole superiori e dell’università.”Queste tabelle mostrano i dati dell’attuale supplemento di ottobre dell’indagine sulla popolazione, che raccoglie i dati sulle iscrizioni scolastiche e universitarie.

Mentre la pandemia ha avuto un impatto sulla raccolta dei dati CPS attraverso tassi di risposta ridotti, le interviste erano riprese da settembre 2020. Per il 2007 e il 2008, i dati sui laureati non sono stati inclusi nelle versioni BLS e le nostre stime per quegli anni sono ottenute attraverso la serie di microdati di uso pubblico integrato (IPUMS-CPS) fornita dall’Università del Minnesota. Il CPS, condotto dal Census Bureau degli Stati Uniti per il Bureau of Labor Statistics, è il primo sondaggio sulla forza lavoro della nazione ed è la base per il tasso di disoccupazione nazionale mensile.

2020 i laureati hanno visto la più grande caduta nella partecipazione alla forza lavoro di college grads di fatto, nei primi mesi della Grande Recessione

Mentre è troppo presto per confrontare gli effetti a lungo termine del COVID-19 recessione e la Grande Recessione sui neolaureati, non c’è evidenza che i risultati di queste giovani adulti che hanno differito nei mesi successivi alla laurea. I tassi di partecipazione alla forza lavoro per le classi di 2007 e 2008 sono stati relativamente invariati, mentre la classe di 2020 ha visto un netto calo rispetto alla classe di 2019.

Classe di diplomati delle scuole superiori 2020-giovani adulti di età compresa tra 16 e 24 che si sono diplomati nella primavera precedente – hanno affrontato le proprie sfide mentre prendevano decisioni sull’ingresso nel mercato del lavoro o sull’iscrizione al college, tra le altre opzioni. Nel complesso, i tassi di iscrizione al college sono in gran parte invariati per la classe di 2020 rispetto alla classe di 2019. Tuttavia, un’analisi precedente che esaminava la quota di tutti i 18 – a 24-year-olds iscritti al college ha mostrato che c’era un leggero calo delle iscrizioni tra alcuni gruppi demografici, compresi i giovani adulti neri e asiatici.

Tra i diplomati delle scuole superiori che non erano iscritti al college in autunno dopo la laurea, il tasso di occupazione era simile in 2019 e 2020. Tuttavia, c’è stato un calo notevole tra le donne in questo gruppo: 65% sono stati impiegati in 2019 contro 54% in 2020 (non c’è stato alcun cambiamento tra gli uomini in questo gruppo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.