Quando si assume un CTO, quali qualità si dovrebbe cercare? / Progetto A

Medium Style Byline-Stephan + Merlin

All’interno del nostro progetto A family, abbiamo questa serie di video chiamata “CTO Thoughts”. Io (Merlin) parlo con il nostro CTO per circa 10 minuti su temi che potrebbero essere interessanti per i team tecnologici delle nostre società in portafoglio.

Lo pubblichiamo ogni settimana su un canale Slack che utilizziamo per condividere le conoscenze nel nostro portfolio. Poiché è un po ‘ ruvido intorno ai bordi, inizialmente lo abbiamo tenuto a questo pubblico più piccolo. Ma poi abbiamo pensato ” perché non condividerlo più ampiamente ?”

Quindi, per la nostra prima edizione pubblica, abbiamo deciso di rilasciare un’intervista che abbiamo fatto sulle qualità che dovresti cercare in un CTO. Ecco un riassunto dei punti principali che sono emersi:

  • Le “qualità target” di un CTO dipendono dalla fase in cui si trova l’azienda (ad esempio avvio iniziale rispetto a una startup più matura)

  • Non è così utile usare CTO personas – si tratta più del profilo dell’azienda.

  • Le aziende tradizionali che hanno ricevuto investimenti di private equity hanno bisogno di un altro tipo di CTO del tutto.

  • Assumere internamente è una buona opzione, ma dipende ancora dalla fase dell’azienda.

  • Stephan stesso è diventato CTO dopo aver completato un programma di incubazione CTO al Progetto A._

Puoi guardare l’intervista completa sul nostro canale Youtube. Poiché alcune persone preferiscono leggere, ho creato la seguente trascrizione dell’intervista. Non è una resa parola per parola (ho ripulito parte della lingua per chiarezza) ma è una registrazione accurata della nostra conversazione. Spero che ti piaccia:

MERLIN: Puoi fornire una panoramica generale di ciò che stai cercando in un CTO o è qualcosa che decidi caso per caso?

STEPHAN: Penso di non avere ancora una risposta chiara perché dipende molto dalla fase dell’azienda.

Per una startup molto precoce ovviamente, è un tipo completamente diverso di CTO rispetto a un’azienda che ha già dipendenti 500 (che si spera funzioni a un ritmo più veloce)-avrebbero un’organizzazione tecnologica completamente diversa.

Penso che per me, guarderei sempre da un lato che la persona (di nuovo a seconda della fase di avvio) abbia le competenze tecniche necessarie.

Quindi, in una fase di avvio molto precoce, il CTO probabilmente si svilupperebbe codificando – forse su base giornaliera – perché quella squadra è relativamente piccola.

Probabilmente cercheremo di più qualcuno che idealmente abbia una certa esperienza di stack completo, che conosca l’intero stack dal front-end all’infrastruttura back-end e che sia in grado di contribuire a questi stack. Quindi, non un CTO “strategico” che è un super high-flyer.

E cercheremo soprattutto una persona che sia anche in grado di costruire una squadra perché è normalmente ciò che accade. Costruire la squadra giusta e trovare il talento giusto…. questo è più per un CTO in una startup – una startup in fase iniziale.

Se guardi più grandi aziende o aziende che si trovano in una fase specifica, probabilmente cercherai qualcuno che sia anche in grado di guidare la parte strategica e diventare come una controparte per il consiglio. Quindi idealmente parteciperebbero alle riunioni del consiglio e possono modellare l’intera organizzazione tecnologica e ingegneristica stabilendo obiettivi.

Ma avrebbero ancora bisogno di avere una forte comprensione tecnologica – questo è sicuramente utile per poter avere discussioni con sviluppatori e manager allo stesso livello.

Ma se il cambiamento sta andando verso la costruzione dell’organizzazione tecnologica, introducendo i processi e gli strumenti giusti, assicurandosi che la misurabilità sia lì, che tu abbia SLA in atto e così via – questo è in genere un diverso tipo di persona che stai cercando.

M: Quindi diresti che esiste una tipologia di CTO? Ho visto articoli che parlavano di personaggi diversi come “il CTO tecnico”, il “CTO imprenditoriale” e così via on….is ci come un set standard di personaggi o profili che avete in mente quando alla ricerca di qualcuno?

S: Direi che non esiste un set standard di personas. Voglio dire, ci sono questi personaggi e penso che siano utili per darti un’idea….se ti piace mettere le persone in secchi, ti dà una sorta di indicazione.

Ma ancora una volta, dipende molto dall’azienda, dal ruolo del CTO, da ciò che è effettivamente previsto. Vorrei cercare di chiarire che tipo di aspettative il CTO deve soddisfare per lo stato attuale della società –

– e mettere un segno di spunta contro questo e anche guardare dove sono forti…per dire ” ok, sì, questa è una forza e questa è una forza “piuttosto che guardare dove hanno la” minima debolezza ” o mettere qualcuno in uno di questi personaggi.

Inoltre, dobbiamo parlare del tipo di attività che un’azienda sta facendo, quindi se parli di un’IA pesante o di un’azienda guidata dallo sviluppo della ricerca, probabilmente avrai un CTO altamente tecnico che sta guidando un argomento da solo.

Supponiamo che tu stia eseguendo qualcosa come un business software as a service o un business platform che è più un approccio commodity. Il CTO qui probabilmente non sarebbe come il ricercatore-investendo il suo tempo in AI e facendo davvero ricerca – ma più probabilmente avrebbero portato il team a bordo ad un ritmo veloce – e costruire il prodotto giusto.

Penso che vediamo tutti i diversi tipi di questi CTO nel nostro portafoglio e quelli veramente tecnici, quelli orientati alla ricerca, spesso hanno qualcuno in una sorta di posizione di VP o una sorta di lead tecnologico che poi sta assumendo la parte di ricostruire l’organizzazione, stabilire i processi e cose del genere.

M: Che dire dei casi in cui abbiamo un investimento di private equity? Si tratta di aziende più tradizionali che hanno recentemente digitalizzato. Diresti che queste aziende hanno bisogno di un altro diverso tipo di CTO del tutto?

S: Sì certo think penso che quello che vediamo, almeno nel nostro portafoglio, è spesso quelle aziende non hanno davvero un CTO a tutti. Quindi, se ripenso al nostro portafoglio, ho solo due società in mente che fin dall’inizio (o da quando abbiamo investito) avevano un CTO a bordo.

Il resto funzionava principalmente senza uno e aveva qualcuno più responsabile della “tecnologia” nel complesso (qualunque cosa significhi in quel contesto specifico) ma non qualcuno che è responsabile della tecnologia a livello C.

E penso che sia un po ‘ la mentalità because perché queste società di private equity spesso provengono da una direzione in cui la tecnologia è più vista come qualcosa che è-diciamo-che consente il business ma non necessariamente lo spinge in avanti migliorando le cose.

Quindi la tecnologia ha più di una funzione “helper” e quindi non c’è bisogno di avere qualcuno che rappresenti la prospettiva tecnologica a livello C.

Questo in genere cambia nel tempo come, al giorno d’oggi, direi più o meno ogni azienda sta vedendo la tecnologia come funzionalità-e come un prodotto-che realmente spinge il business in avanti e consente diversi modelli di business e apre opportunità.

Quindi l’importanza di che C-a livello di ruolo è in aumento un bel po ‘ …anche nel private equity contesto e sì, c’è sicuramente bisogno di un diverso tipo di persona che deve sicuramente essere in grado di combattere con più strutture aziendali (a seconda delle dimensioni) e devono sentirsi a proprio agio parlando con il consiglio…che è di solito un diverso tipo di consiglio rispetto a un VC consiglio…perché normalmente hanno più fondi, che sono forse non è che l’tech oriented. Quindi è necessario un diverso tipo di set di abilità anche qui.

M: Quando stai cercando un CTO inizi immediatamente a guardare esternamente o forse puoi trovare qualcuno all’interno dell’azienda che puoi promuovere?

S: In genere, quando qualcuno all’interno dell’azienda sta per essere promosso, non è nulla, almeno, in cui sono coinvolto.

Quindi abbiamo avuto casi del genere-e poi è più simile-quella persona è effettivamente cresciuta nel tempo e ha intensificato la propria carriera, per poi diventare il CTO dell’azienda.Che sicuramente può essere una buona idea per una società che esiste già un bel po ‘ nel mercato. Perché quella persona conosce tutte le intuizioni, conosce tutte le relazioni all’interno dell’azienda e quindi è molto più facile per la persona iniziare in quel ruolo e normalmente sono già visti come una sorta di leader naturale che poi ottiene il titolo di CTO.

Se guardi fuori, direi say di solito cerchi un CTO esternamente di più se sei in una fase in cui sei appena iniziato o dove cambia il tuo stadio dell’azienda changes e quindi può essere utile portare qualcuno dall’esterno who che porta anche una mentalità fresca ma che porta anche esperienza.

La domanda è “daresti sempre la priorità all’assunzione di qualcuno internamente rispetto all’assunzione esterna?”e ancora una volta la risposta è, purtroppo “dipende”. Quindi entrambi i casi sono sicuramente fattibili e vediamo che succede in entrambi directions…at almeno nel nostro portafoglio e anche in altre aziende con cui parliamo.

M: Questo porta alla mia ultima domanda: come sei diventato il CTO del Progetto A?

S: È un ottimo question…so quando ripenso alla mia carriera started in realtà ho iniziato come sviluppatore, poi sono stato un team lead, e poi sono cresciuto fino a diventarne il capo.

E poi a un certo punto, stavo cercando un nuovo lavoro e stavo anche parlando con i reclutatori e in realtà ho ricevuto offerte per posizioni CTO…e ho fatto domanda per loro.

Ma cosa è successo allora-e non sono sicuro se fosse legato a me o se fosse una cosa generale-Non ero l’unico candidato-ma ero un candidato che non era mai stato un CTO prima. E così c’era sempre un altro candidato nel gioco, che aveva già ricoperto quel ruolo-e così è stato fatto-erano la persona preferita.

Hanno detto “ok look guarda, quella persona l’ha già fatto”, quindi si sono sentiti molto più a loro agio nel prendere quella persona. E per me, al Progetto A in questo momento, c’era un programma di formazione CTO che abbiamo fatto in passato….quando abbiamo fatto più incubazioni had abbiamo avuto l’idea di “cuocere” i nostri CTO noi stessi.

Così facendo un progetto semestrale like più come l’incubazione e poi la persona sta effettivamente andando nella società di portafoglio….questo era il piano anche per me. Così ho fatto il mio progetto..o la mia incubazione not tutto non era ancora finito ma vicino prima before e poi il Progetto A è venuto intorno e ha detto: “Ehi Stephan, ci piace molto quello che stai facendo qui al Progetto A, ti piacerebbe rimanere?”

E poi per me, è stata una decisione facile in quel momento dire ” certo!”- e ora sono qui da cinque anni al Progetto A. Erano super felici ed entusiasti di quel ruolo… anche per me è stata sicuramente la decisione giusta.

M: Sì, mi piace l’idea di un programma di incubazione CTO.

S: Sì, è stata davvero una grande idea in quel momento….non stiamo facendo molte incubazioni al momento, quindi non c’è quel bisogno say diciamo say ma forse avremo di nuovo la possibilità un giorno – sono sicuramente pronto a fare di nuovo qualcosa del genere.

M: Grazie mille Stephan!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.